21.04.2016

Calendario vaccinale : che cosa è cambiato dal 2013

Calendario vaccinale : che cosa è cambiato dal 2013
In materia di sanità pubblica, dovremmo tutti essere adeguatamente immunizzati contro la difterite, il tetano e la poliomielite. I richiami di questi vaccini, effettuati durante l'infanzia, sono spesso trascurati in età adulta, eccetto quando siano obbligatori per determinate categorie professionali (giardinieri, personale di servizi igienico-sanitari, infermieri, ecc.).

Gli studi più recenti hanno dimostrato che il vaccino è rimasto attivo per molto tempo. Inoltre, dal 2013 non è più necessario effettuare un richiamo ogni 10 anni, bensì a 25, 45 e 65 anni di età.

Allo stesso modo, è consigliabile sottoporsi a un richiamo contro la pertosse, una volta in età adulta.

Il medico del lavoro consiglierà al lavoratore di sottoporvisi durante la relativa visita.

Le nostre 5 ultime notizie